Globalist:
stop
Line

NEAR EAST NEWS AGENCY
Agenzia Stampa Vicino Oriente

 
Connetti
Utente:

Password:



GAZA

Anche Eric Cantona con Mahmoud Sarsak

Il campione di calcio francese "scende in campo" a sostegno del suo collega palestinese che fa lo sciopero della fame in un carcere israeliano

adminSito
mercoledì 13 giugno 2012 09:02

Mahmoud Sarsak fa lo sciopero della fame in carcere da quasi tre mesi
Mahmoud Sarsak fa lo sciopero della fame in carcere da quasi tre mesi

Roma, 13 giugno 2012, Nena News - Eric Cantona, indimenticato campione di calcio francese degli anni 90, «scende in campo» per sostenere la richiesta di liberazione immediata di Mahmoud Sarsak, il calciatore della nazionale palestinese che da quasi tre mesi fa lo sciopero della fame in un carcere israeliano.

Cantona, per anni punta del Manchester United, ieri ha inviato una lettera al ministro dello sport britannico Hugh Robertson e al presidente della Uefa Michel Platini, in appoggio alla battaglia contro la detenzione che, a rischio della vita, sta conducendo Sarsak. La lettera porta la firma anche dell'intellettuale ed accademico statunitense Noam Chomsky e del regista Ken Loach.

«E' tempo che cessi l'impunità di Israele e di insistere affinché (lo Stato ebraico) rispetti gli stessi standard di uguaglianza, giustizia e di legalità internazionale che sono richiesti agli altri Stati», è scritto nella lettera, in riferimento all'utilizzo da parte di Israele della detenzione senza processo e sulla base soltanto di una raccomandazione dei servizi di sicurezza.

Israele accusa Sarsak di essere un «terrorista del Jihad Islami, che programmava attentati e attacchi» ma non ha prodotto pubblicamente sino ad oggi alcuna prova a sostegno dei presunti reati compiuti dal palestinese, originario di Gaza.

Da parte sua l'associazione internazionale dei calciatori professionisti FIFPro si dice «molto preoccupata» anche per la situazione di altri giocatori di calcio in Palestina. Preoccupazione analoga è stata espressa al presidente della FIFA Joseph S. Blatter in un messaggio inviato ai vertici del calcio israeliano.

Peggiorano giorno dopo giorno le condizioni di Sarsak da 86 giorni senza cibo. Due giorni fa sembrava che il giovane calciatore palestinese avesse deciso di porre fine alla protesta ma ieri l'avvocato del detenuto, Jawad Bulos, ha smentito la notizia: lo sciopero della fame di Sarsak prosegue.

Mahmoud è nato a Rafah, nella parte meridionale della Striscia di Gaza, nel 1987. Ad otto anni aveva già scoperto la sua passione per il pallone e aveva iniziato a giocare con il Rafah Sport Club. Pochi anni dopo, per le sue doti particolari, era entrato nella squadra degli adulti e da lì direttamente nella nazionale palestinese, come centravanti. Da quel momento aveva avuto l'opportunità di uscire dalla prigione a cielo aperto di Gaza, per recarsi in Cisgiordania e in altri paesi come Qatar, Egitto, Norvegia, Turchia ed Iraq. Ed è proprio mentre cercava di uscire da Gaza che è stato arrestato, il 22 luglio 2009, al valico di Erez. Nena News