Globalist:
Line

NEAR EAST NEWS AGENCY
Agenzia Stampa Vicino Oriente

 
Connetti
Utente:

Password:



SIRIA

Siria, gli Usa rompono gli indugi sulla no-fly zone

I ribelli non riescono a prendere Aleppo e Washington rompe gli indugi sulla creazione di una zona di interdizione al volo per gli aerei di Damasco. L'Italia ci sta

adminSito
domenica 12 agosto 2012 08:23

di Michele Giorgio

Roma, 12 agosto 2012, Nena News - Washington rompe indugi e di fronte all'incapacità dei ribelli sunniti di prendere Aleppo e farne la «capitale liberata» della Siria settentrionale e alla solidità mostrata dal regime del presidente Bashar Assad, dichiara indirettamente guerra a Damasco e ai suoi alleati. Le nuove sanzioni statunitensi varate due giorni fa - contro la Siria ma anche contro Hezbollah e Iran - lo avevano già detto chiaramente. Tuttavia sono le decisioni prese ieri a Istanbul al vertice Usa-Turchia - un punto di svolta - e le prossime che forse arriveranno già oggi al mini-summit arabo che si terrà in Arabia saudita, potrebbero dare il via libera ad un primo intervento «internazionale» contro la Siria, nonostante l'opposizione di Russia e Cina.

Sul tavolo c'è l'imposizione sulla Siria di una «no-fly zone» (zona di interdizione al volo). E la motivazione Washington e gli alleati potrebbero trovarla nella necessità di «proteggere» l'amica Turchia, storico paese membro della Nato, dalle incursioni dei guerriglieri curdi del Pkk passati all'offensiva nelle scorse settimane. Ankara che nell'ultimo anno ha dato ogni possibile appoggio all'opposizione politica siriana e ai ribelli armati anti-Assad, ora si trova a dover fare i conti con la guerriglia curda, riarmata e motivata da Damasco, desiderosa di presentare il conto all'ex "amico" turco, il premier Erdogan. Secondo la stampa di Ankara, il governo avrebbe pronti piani di intervento militare in territorio siriano: lungo il confine, per creare una zona cuscinetto di 20 km, e nelle province del nord curdo, per impedire che diventino una base arretrata del Pkk. La Siria, ha affermato Hillary Clinton in una conferenza stampa congiunta con il capo della diplomazia turca Ahmet Davutoglu, non deve «diventare un santuario per i terroristi del Pkk».

Poi il segretario di stato ha mostrato cautela sulla imposizione della «no-fly zone» sulla Siria, che avverrebbe in condizioni molto diverse da quelle di un anno fa in Libia. Il passo però è davvero vicino, come ha di fatto annunciato l'ex segretario alla difesa statunitense, William Cohen, in un'intervista a Bloomberg Television. «Stiamo arrivando ad un punto in cui la violenza (in Siria) è così grave, credo che si assisterà ad una spinta in favore dell'istituzione della no- fly zone», ha detto Cohen. Per l'ex segretario alla difesa la partecipazione americana a questa possibile operazione di "no-fly zone" sarà legata a quella degli alleati. «Non credo che gli Stati Uniti procederanno da soli».

E non saranno da soli. Uno dei primi a mettersi l'elmetto è stato proprio il ministro degli esteri italiano Giulio Terzi. In una intervista il titolare della Farnesina ieri ha spiegato che la zona di interdizione al volo (per l'aviazione siriana) «può essere una carta necessaria per evitare questo massacro spaventoso». Libertà, diritti, democrazia. L'opposizione siriana sostiene che la lotta contro il regime di Assad continuerebbe su quelle basi. Temi che però non sembrano rientrare negli interessi sia degli americani che degli alleati di Damasco. Nel giardino siriano si giocano gli assetti strategici regionali, sulla base del confronto Usa-Iran. E' stata sin troppo esplicita Hillary Clinton al termine del vertice in Turchia: l'obiettivo degli Usa è quello di «rompere i legami» fra la Siria, l'Iran e l'Hezbollah sciita libanese che «prolungano la vita del regime» di Damasco. «Occorre accelerare la fine del regime del presidente Assad che è un nostro obiettivo strategico... Dobbiamo continuare ad aumentare la pressione dall'esterno», ha spiegato.

I siriani intanto continuano ad ammazzarsi tra di loro, con l'aiuto dei rispettivi «alleati» esterni. Ieri è combattuto in diversi punti di Aleppo. I ribelli si sono ritirati dai quartieri strategici ma continuano ad impegnare le truppe governative in vari aree della città. L'Esercito libero siriano (Els), la milizia ribelle, sarebbe riuscita a riprendere qualche posizione strategica nella roccaforte di Salaheddin, ha detto Abdel Qader Saleh, un comandante del cosiddetto battaglione "Tawhid" dell'Esl. Scontri violenti sono avvenuti anche a Tamadoun (Damasco) e spari e alcune esplosioni sono state udite anche in altri settori della capitale. I civili fuggono come e dove possono dalla guerra. L'agenzia dell'Onu per i profughi parla di altre migliaia di siriani che in questi ultimi giorni sono sfollati per sfuggire ai combattimenti, soprattutto ad Aleppo. Nena News