Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop
Line

NEAR EAST NEWS AGENCY
Agenzia Stampa Vicino Oriente

 
Connetti
Utente:

Password:



CULTURA

Meiroun, un Handala al femminile

La cantante e illustratrice palestinese Amal Kawash crea una bambina ombra dalle lunghe trecce. Che guarda alla luna, la lontana Palestina.

adminSito
lunedì 21 gennaio 2013 09:11

di Paolo Lasagna

Beirut, 21 gennaio 2013, Nena News - Musica e fumetti per non dimenticare la Palestina, una luna lontana ma luminosa che brilla nel cielo dei rifugiati palestinesi.

A cantare e disegnare la Palestina è la giovane Amal Ziad Kawash, una cantante e illustratrice palestinese nata in Libano nel 1981. Nata da una famiglia di profughi palestinesi provenienti dal villaggio di Meiroun, ha studiato canto e composizione all'Istituto Nazionale di Musica in Libano e arte alla London's Fine Arts School.

Ha iniziato la sua carriera di cantante nel 2001 ed ha collaborato con vari gruppi. Ispirata dal disegnatore Nadjii Al Ali ha affiancato all'attività di cantante quella di illustratrice. Uno dei personaggi più noti usciti dalla sua penna è Meiroun (dal nome del suo villaggio di origine), una bambina ombra dalle lunghe trecce. Anche se il personaggio non è nato con intenti politici, la sua figura con il corso del tempo ha subito un trasformazione.

"Non si può davvero separare il personale dal politico, ma quando Meiroun è stata creata, è venuta dai miei bisogni personali per esprimere qualcosa, non dalla mia necessità politica di dire qualcosa. Quando ho disegnato la luna per Meiroun, per esempio, non pensavo di utilizzare la luna come simbolo per l'irraggiungibile e l'impossibile. L'idea era semplicemente di una ragazza e di una luna", dice.

Ma sotto molti aspetti, Meiroun può essere vista come la controparte femminile di Handala, il bambino nato dalla penna e la creatività di Nadjii Ali (come Handala, anche Meiroun non mostra mai il suo volto). Al pari di Nadjii Ali, Amal Kawash veicola attraverso la sua creatura le critiche, le denunce e le speranze del popolo palestinese. Dice l'autrice: "Per me, Meiroun rappresenta tutti i palestinesi, tutte le donne arabe e tutte le donne del mondo".

Collaboratrice del quotidiano libanese Es-Safir, Amal Kawash vive e lavora a Beirut e porta avanti in autonomia entrambe le sue carriere, musicista e illustratrice. Nena News


Guarda il video: