Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Globalist:
stop
Line

NEAR EAST NEWS AGENCY
Agenzia Stampa Vicino Oriente

 
Connetti
Utente:

Password:



CISGIORDANIA

Nablus Targata Slow Food

Bait al Karama, un progetto dal basso di valorizzazione della tradizione culinaria promosso dalle donne di Nablus per tutte le donne palestinesi

Michele Giorgio
domenica 10 giugno 2012 04:39

Il mamoul,  biscotto al dattero tipico della cucina palestinese
Il mamoul, biscotto al dattero tipico della cucina palestinese

di Michele Giorgio

Nablus, 10 giugno 2012, Nena News - C'erano anche l'artista Michelangelo Pistoletto e alcuni degli chef tra i più noti in Italia e nel mondo, guidati da Gualtiero Marchesi, il 5 giugno all'Osteria della Villetta di Palazzolo, alla cena a sostegno del progetto Beit al Karama (Casa della Dignità) e della prima scuola internazionale di cucina palestinese targata Slow Food. Un'iniziativa portata avanti da un comitato di donne della casbah di Nablus. Non signore della buona società locale ma giovani e madri espressione dell'anima più popolare della città. A sostenerle altre due donne, italiane, Cristiana Bottigella e l'artista Beatrice Catanzaro, «residente» di fatto a Nablus.

L'impegno di Fatima Khaddoumi
L'anima di Beit al Karama è Fatima Khaddoumi. Ha le idee molto chiare su cosa debba diventare il primo convivium Slow Food palestinese. «Siamo impegnate su più fronti - spiega Fatima -, ma è il cibo la nostra priorità. Crediamo che il cibo possa dare dignità alle donne di Nablus e nel resto della Palestina. Cibo che deve essere prodotto in ogni fase nel rispetto dei suoi contenuti nutrizionali, dell'origine, della tradizione. Riconoscendo dignità al cibo si riconosce dignità alla donna». La responsabile aggiunge che Beit al Karama dovrà essere anche un luogo d'incontro per le donne, oltre che un punto di ritrovo dove gustare prelibatezze palestinesi Slow Food. «Daremo l'opportunità ad associazioni e cooperative di donne di poter presentare attraverso Beit al Karama, il loro lavoro, le loro produzioni, non solo alimentari», conclude Khaddoumi.

Cooperative in forte aumento

Quello delle cooperative, soprattutto in campo agricolo, è un fenomeno che sempre più diffuso in Cisgiordania, con particolare attenzione alla produzione biologica. Promossa dall'Agricultural Development Association (un tempo legata al Partito comunista, più nota come Parc), si è svolta il mese scorso in uno dei giardini pubblici di Nablus una fiera senza precedenti alla quale ha preso parte una dozzina di cooperative palestinesi che producono fragole, pomodori e fiori biologici. «Siamo di fronte ad una tendenza signifcativa, è un settore in forte espansione - dice Rosella Bonarrigo, dell'ong Overseas che realizza progetti di sviluppo integrato e sostiene l'azione di gruppi di base impegnati nello sviluppo di comunità -, che conferma il crescente interesse dei palestinesi nei confronti dell'agricoltura naturale e verso forme di produzione che consentono il recupero di terre, specie di quelle più vicine alle colonie israeliane, spesso abbandonate perché di fatto inaccessibili». Con fondi della cooperazione italiana, della regione Emilia Romagna, Overseas in partnership con l'associazione Acs, il Parc, la facoltà di agraria dell'Università di Hebron e l'Università di Bologna, ha iniziato quest'anno un progetto per la difesa e la valorizzazione della biodiversità nell'agricoltura biologica palestinese. «Si tratta di un intervento che coniuga i temi della sicurezza alimentare e della lotta alla povertà in ambito rurale con i principi dell'agricoltura biologica, anche attraverso l'aumento della disponibilità di sementi locali», dice Bonarrigo.

Temi che trovano consensi crescenti anche nella popolazione urbana palestinese. Specialmente tra gli studenti, certi che la liberazione dall'occupazione israeliana passi anche attraverso la valorizzazione della storia e della cultura, in ogni suo aspetto, del popolo palestinese. Nena News